giovedì 14 luglio 2011

Frittelle tirolesi o Strauben

Già li sento i vostri commenti... "Con quest'afa parla di frittelle: è proprio il caldo che le ha dato alla testa!"
A dire il vero le ho fatte qualche settimana fa ma non avevo ancora postato la ricetta e, poichè nonostante il caldo mi hanno chiesto di fare il bis, ho pensato di pubblicare il post.

La ricetta delle frittelle tirolesi o Strauben l'ho presa da qui ma ne ho trovato una versione anche qui: la mia versione è leggermente diversa in quanto non ho utilizzato alcolici ma ho messo il lievito e devo dire che il risultato non mi è sembrato diverso da quelle "originali" che avevo gustato tempo fa.
Ma, oltre alla variante culinaria, volevo suggerirvi un'idea pratica e riciclosa che vi faciliterà la realizzazione di questo dolce. Avete presente i barattoli delle salse top-down tipo maionese, ketchup o senape? Non cestinateli una volta esaurito il loro contenuto: sono molto utili per questa ricetta!
Per realizzare queste frittelle solitamente si usa un imbuto di metallo con manico lungo (Straubentrichter) dal quale far scendere la pastella nell'olio con movimenti circolari concentrici. Non è necessario avere questo arnese: basta un piccolo imbuto per riempire il barattolo "riciclato" (opportunamente lavato) di pastella, mettere il tappo e girarlo sottosopra per far scendere l'impasto nell'olio bollente!
Vi consiglio, anzichè realizzare un'unica grande frittella, di farne tante "monoporzione". Se, come me, avete il timore di non riuscire a dare la forma e la dimensione giusta, aiutatevi creando un anello con un foglio di alluminio da cucina.
Posizionate  l'anello nell'olio bollente...
 ... versare con il barattolo top-down la pastella, attendete qualche istante...
... e togliete con una pinza da cucina l'anello dalla teglia.
Cuocete le frittelle, adagiatele su carta da cucina e copritele di zucchero a velo: sono ottime anche con marmellata di mirtilli!

Buona creatività a tutte!

6 commenti:

  1. Buoni gli strauben!!!!
    questi due trucchetti sono veramente furbi, cosi si possono anche fare a casa:-), io li magio sempre in piazza...!!!

    RispondiElimina
  2. Ricetta molto interessante, grazie! La proverò più avanti, quando farà più fresco!!

    RispondiElimina
  3. Afa mica tanto...dove siamo noi sembra Novembre, e un bel vassoio di frittelle ci starebbe proprio bene!
    Vale Thewoolbox
    www.thewoolbox.wordpress.com

    RispondiElimina
  4. @orlosubito: queste astuzie mi hanno aiutata molto... da tenere presente anche per altre preparazioni!
    @bilibina: fammi sapere poi come sono venute
    @babyluv: prova e fammi sapere

    RispondiElimina
  5. ciao, vieni da me, ho una sorpresa per te!!!

    RispondiElimina
  6. mmmm, sembrano proprio buoni, da provare absolutely!!!;-)
    I consigli che dai sono proprio furbi, grazieeeeeee

    RispondiElimina